Take the 2-minute tour ×
TeX - LaTeX Stack Exchange is a question and answer site for users of TeX, LaTeX, ConTeXt, and related typesetting systems. It's 100% free, no registration required.
\documentclass[10pt,%                      % corpo del font principale
               a4paper,%                   % carta A4
               twoside,%         % fronte-retro
               %openright, % capitoli sempre pag destra
               openany % elimina pagine bianche 
               %dvipsnames
               ]{book}

\usepackage{fancyhdr}

\pagestyle{fancy}

\makeatletter 
\renewcommand\frontmatter{% 
    \cleardoublepage 
  \@mainmatterfalse 
  \pagenumbering{Roman}} 
\makeatother
\addtolength{\headwidth}{1.5em}
\renewcommand{\chaptermark}[1]%
{\markboth{#1}{}}
\renewcommand{\sectionmark}[1]%
{\markright{#1}}
\renewcommand{\headrulewidth}{0pt}
%\renewcommand{\footrulewidth}{0pt}
\fancyhf{}
\fancyhead[LE]{\textbf{\thepage}\quad\textsl{\leftmark}}
\fancyhead[RO]{\textsl{\rightmark}\quad\textbf{\thepage}}

\begin{document}
\chapter{Kafka}
\section{Storia}
Gregorio Samsa, svegliandosi una mattina da sogni agitati, si trovò trasformato, nel suo letto, in un enorme insetto immondo. Riposava sulla schiena, dura come una corazza, e sollevando un poco il capo vedeva il suo ventre arcuato, bruno e diviso in tanti segmenti ricurvi, in cima a cui la coperta da letto, vicina a scivolar giù tutta, si manteneva a fatica. Le gambe, numerose e sottili da far pietà, rispetto alla sua corporatura normale, tremolavano senza tregua in un confuso luccichio dinanzi ai suoi occhi. Cosa m’è avvenuto? pensò. Non era un sogno. La sua camera, una stanzetta di giuste proporzioni, soltanto un po’ piccola, se ne stava tranquilla fra le quattro ben note pareti. Sulla tavola, un campionario disfatto di tessuti - Samsa era commesso viaggiatore e sopra, appeso alla parete, un ritratto, ritagliato da lui - non era molto - da una rivista illustrata e messo dentro una bella cornice dorata: raffigurava una donna seduta, ma ben dritta sul busto, con un berretto e un boa di pelliccia; essa levava incontro a chi guardava un pesante manicotto, in cui scompariva tutto l’avambraccio. Lo sguardo di Gregorio si rivolse allora verso la finestra, e il cielo fosco (si sentivano placeat facere
\section{Pangramma}
Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo.
\section{Storia}
Gregorio Samsa, svegliandosi una mattina da sogni agitati, si trovò trasformato, nel suo letto, in un enorme insetto immondo. Riposava sulla schiena, dura come una corazza, e sollevando un poco il capo vedeva il suo ventre arcuato, bruno e diviso in tanti segmenti ricurvi, in cima a cui la coperta da letto, vicina a scivolar giù tutta, si manteneva a fatica. Le gambe, numerose e sottili da far pietà, rispetto alla sua corporatura normale, tremolavano senza tregua in un confuso luccichio dinanzi ai suoi occhi. Cosa m’è avvenuto? pensò. Non era un sogno. La sua camera, una stanzetta di giuste proporzioni, soltanto un po’ piccola, se ne stava tranquilla fra le quattro ben note pareti. Sulla tavola, un campionario disfatto di tessuti - Samsa era commesso viaggiatore e sopra, appeso alla parete, un ritratto, ritagliato da lui - non era molto - da una rivista illustrata e messo dentro una bella cornice dorata: raffigurava una donna seduta, ma ben dritta sul busto, con un berretto e un boa di pelliccia; essa levava incontro a chi guardava un pesante manicotto, in cui scompariva tutto l’avambraccio. Lo sguardo di Gregorio si rivolse allora verso la finestra, e il cielo fosco (si sentivano placeat facere
\section{Pangramma}
Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo.
\section{Storia}
Gregorio Samsa, svegliandosi una mattina da sogni agitati, si trovò trasformato, nel suo letto, in un enorme insetto immondo. Riposava sulla schiena, dura come una corazza, e sollevando un poco il capo vedeva il suo ventre arcuato, bruno e diviso in tanti segmenti ricurvi, in cima a cui la coperta da letto, vicina a scivolar giù tutta, si manteneva a fatica. Le gambe, numerose e sottili da far pietà, rispetto alla sua corporatura normale, tremolavano senza tregua in un confuso luccichio dinanzi ai suoi occhi. Cosa m’è avvenuto? pensò. Non era un sogno. La sua camera, una stanzetta di giuste proporzioni, soltanto un po’ piccola, se ne stava tranquilla fra le quattro ben note pareti. Sulla tavola, un campionario disfatto di tessuti - Samsa era commesso viaggiatore e sopra, appeso alla parete, un ritratto, ritagliato da lui - non era molto - da una rivista illustrata e messo dentro una bella cornice dorata: raffigurava una donna seduta, ma ben dritta sul busto, con un berretto e un boa di pelliccia; essa levava incontro a chi guardava un pesante manicotto, in cui scompariva tutto l’avambraccio. Lo sguardo di Gregorio si rivolse allora verso la finestra, e il cielo fosco (si sentivano placeat facere
\section{Pangramma}
Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo.
\section{Storia}
Gregorio Samsa, svegliandosi una mattina da sogni agitati, si trovò trasformato, nel suo letto, in un enorme insetto immondo. Riposava sulla schiena, dura come una corazza, e sollevando un poco il capo vedeva il suo ventre arcuato, bruno e diviso in tanti segmenti ricurvi, in cima a cui la coperta da letto, vicina a scivolar giù tutta, si manteneva a fatica. Le gambe, numerose e sottili da far pietà, rispetto alla sua corporatura normale, tremolavano senza tregua in un confuso luccichio dinanzi ai suoi occhi. Cosa m’è avvenuto? pensò. Non era un sogno. La sua camera, una stanzetta di giuste proporzioni, soltanto un po’ piccola, se ne stava tranquilla fra le quattro ben note pareti. Sulla tavola, un campionario disfatto di tessuti - Samsa era commesso viaggiatore e sopra, appeso alla parete, un ritratto, ritagliato da lui - non era molto - da una rivista illustrata e messo dentro una bella cornice dorata: raffigurava una donna seduta, ma ben dritta sul busto, con un berretto e un boa di pelliccia; essa levava incontro a chi guardava un pesante manicotto, in cui scompariva tutto l’avambraccio. Lo sguardo di Gregorio si rivolse allora verso la finestra, e il cielo fosco (si sentivano placeat facere
\section{Pangramma}
Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo.
\section{Storia}
Gregorio Samsa, svegliandosi una mattina da sogni agitati, si trovò trasformato, nel suo letto, in un enorme insetto immondo. Riposava sulla schiena, dura come una corazza, e sollevando un poco il capo vedeva il suo ventre arcuato, bruno e diviso in tanti segmenti ricurvi, in cima a cui la coperta da letto, vicina a scivolar giù tutta, si manteneva a fatica. Le gambe, numerose e sottili da far pietà, rispetto alla sua corporatura normale, tremolavano senza tregua in un confuso luccichio dinanzi ai suoi occhi. Cosa m’è avvenuto? pensò. Non era un sogno. La sua camera, una stanzetta di giuste proporzioni, soltanto un po’ piccola, se ne stava tranquilla fra le quattro ben note pareti. Sulla tavola, un campionario disfatto di tessuti - Samsa era commesso viaggiatore e sopra, appeso alla parete, un ritratto, ritagliato da lui - non era molto - da una rivista illustrata e messo dentro una bella cornice dorata: raffigurava una donna seduta, ma ben dritta sul busto, con un berretto e un boa di pelliccia; essa levava incontro a chi guardava un pesante manicotto, in cui scompariva tutto l’avambraccio. Lo sguardo di Gregorio si rivolse allora verso la finestra, e il cielo fosco (si sentivano placeat facere
\section{Pangramma}
Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo.
\section{Storia}
Gregorio Samsa, svegliandosi una mattina da sogni agitati, si trovò trasformato, nel suo letto, in un enorme insetto immondo. Riposava sulla schiena, dura come una corazza, e sollevando un poco il capo vedeva il suo ventre arcuato, bruno e diviso in tanti segmenti ricurvi, in cima a cui la coperta da letto, vicina a scivolar giù tutta, si manteneva a fatica. Le gambe, numerose e sottili da far pietà, rispetto alla sua corporatura normale, tremolavano senza tregua in un confuso luccichio dinanzi ai suoi occhi. Cosa m’è avvenuto? pensò. Non era un sogno. La sua camera, una stanzetta di giuste proporzioni, soltanto un po’ piccola, se ne stava tranquilla fra le quattro ben note pareti. Sulla tavola, un campionario disfatto di tessuti - Samsa era commesso viaggiatore e sopra, appeso alla parete, un ritratto, ritagliato da lui - non era molto - da una rivista illustrata e messo dentro una bella cornice dorata: raffigurava una donna seduta, ma ben dritta sul busto, con un berretto e un boa di pelliccia; essa levava incontro a chi guardava un pesante manicotto, in cui scompariva tutto l’avambraccio. Lo sguardo di Gregorio si rivolse allora verso la finestra, e il cielo fosco (si sentivano placeat facere
\section{Pangramma}
Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo.
\section{Storia}
Gregorio Samsa, svegliandosi una mattina da sogni agitati, si trovò trasformato, nel suo letto, in un enorme insetto immondo. Riposava sulla schiena, dura come una corazza, e sollevando un poco il capo vedeva il suo ventre arcuato, bruno e diviso in tanti segmenti ricurvi, in cima a cui la coperta da letto, vicina a scivolar giù tutta, si manteneva a fatica. Le gambe, numerose e sottili da far pietà, rispetto alla sua corporatura normale, tremolavano senza tregua in un confuso luccichio dinanzi ai suoi occhi. Cosa m’è avvenuto? pensò. Non era un sogno. La sua camera, una stanzetta di giuste proporzioni, soltanto un po’ piccola, se ne stava tranquilla fra le quattro ben note pareti. Sulla tavola, un campionario disfatto di tessuti - Samsa era commesso viaggiatore e sopra, appeso alla parete, un ritratto, ritagliato da lui - non era molto - da una rivista illustrata e messo dentro una bella cornice dorata: raffigurava una donna seduta, ma ben dritta sul busto, con un berretto e un boa di pelliccia; essa levava incontro a chi guardava un pesante manicotto, in cui scompariva tutto l’avambraccio. Lo sguardo di Gregorio si rivolse allora verso la finestra, e il cielo fosco (si sentivano placeat facere
\section{Pangramma}
Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo zelante assaggia il whisky ed esclama: alleluja! Aquel vituperable xenófobo apasionado prueba su güisqui y exclama: ¡Aleluya! Ma la volpe col suo balzo ha raggiunto il quieto Fido. Quel vituperabile xenofobo.
\end{document}

I would like to have the headers like in the TeXbook. How can i do this?

share|improve this question
3  
Right? Not compilable, so it's hard to say. ;-) –  lockstep May 28 '12 at 12:06
    
You're right I have edited my question... –  FormlessCloud May 28 '12 at 13:08
    
+1 for providing a MWE, but you should (re-)add some accompanying text. –  lockstep May 28 '12 at 13:09
    
re edited ! ; ) –  FormlessCloud May 28 '12 at 13:17
2  
I meant the question text outside your example. :-) –  lockstep May 28 '12 at 13:50

1 Answer 1

up vote 5 down vote accepted

Instead of adding an estimated value of 1.5em to the \headwidth length (which results in incorrect spacing for anything but one-digit page numbers), I suggest to typeset the page numbers in appropriately aligned boxes of width 0pt.

Minor enhancements: The TeXbook does use "Chapter/Appendix" prefixes, and it typesets the headers in an italic (not slanted) font (check the design of, e.g., the letter "a").

Note the use of the lipsum dummy text package in my example.

\documentclass{book}

\usepackage{fancyhdr}

\pagestyle{fancy}

\fancyhf{}
\fancyhead[LE]{\makebox[0pt][r]{\textbf{\thepage}\quad}\textit{\leftmark}}
\fancyhead[RO]{\textsl{\rightmark}\makebox[0pt][l]{\quad\textbf{\thepage}}}

\makeatletter
\renewcommand*{\chaptermark}[1]{\markboth{\ifnum\c@secnumdepth>\m@ne
    \@chapapp\ \thechapter:\ \fi #1}{}}
\makeatother
\renewcommand*{\sectionmark}[1]{\markright{#1}}
\renewcommand{\headrulewidth}{0pt}

\usepackage{lipsum}

\begin{document}

\chapter{chapter}

\section{section}

\lipsum[1-12]

\end{document}
share|improve this answer
    
Thank you so much you have been very helpful! –  FormlessCloud May 28 '12 at 13:55

Your Answer

 
discard

By posting your answer, you agree to the privacy policy and terms of service.

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.