2

When i write many sidenotes on the same page, if there's no space, latex puts it over the bottom of page). There's a simple method to overcome this issue? THX A LOTenter image description here

    \documentclass[twoside]{article}
    \usepackage[utf8]{inputenc}
    \usepackage[italian]{babel}
    \usepackage{fancyhdr,float,graphicx}
    \usepackage{hyperref}
    \usepackage[color=white,linecolor=black,textsize=footnotesize,textwidth=5cm, tickmarkheight=3mm]{todonotes}
    \usepackage[a4paper,left=35mm,right=70mm, marginparwidth=50mm,marginparsep=8mm]{geometry}
    \hypersetup{colorlinks=true, linkcolor=black, anchorcolor=black, citecolor=black,bookmarksdepth=3, urlcolor=black}
    \pagestyle{fancy}
    \fancyhf{}
    \rhead{\hyperlink{toc}{\textcolor{violet!50!blue}{Torna all'indice}}}
    \fancyfoot[C]{\thepage}


    \title{Polymer science and engineering}
    \author{Francesco Soldi}
    \date{Academic year 2020/21}


    \begin{document}
    \maketitle
    \addtocontents{toc}{\protect\hypertarget{toc}{}}
    \tableofcontents{}
    \section{Introduction}
    \subsubsection{Proprietà termiche}
    La \textit{Funzionalità} $f$ è il numero di legami che un qualsiasi monomero forma dopo il processo di polimerizzazione.
    Quando $f=2$ il polimero risultante sarà lineare, mentre non appena come $f \geq 3$ il 
    polimero sarà ramificato o addirittura costituito da una rete tridimensionale.
    Questo perché le catene lineari interagiscono tra loro attraverso legami di tipo fisico, che sono solitamente deboli e sono la causa del basso punto di fusione in questo tipo di strutture. 
    I polimeri a struttura reticolata, invece, interagiscono tramite legami \textit{covalenti} molto più forti e non sono in grado di fluire l'uno sull'altro.
    \todo{Questo è il motivo per cui il vetro, o le rocce, "fondono" a temperature molto alte, mentre molti polimeri lineari fondono a temperature molto più basse.}
    Altresì detto, la parte amorfa di un materiale polimerico è caratterizzata da una temperatura di transizione vetrosa.
    Questa è una transizione isofasica. 
    Al di sotto di questa temperatura i moti browniani tendono a congelarsi e la sostanza assume le caratteristiche meccaniche di un vetro, ossia è rigida, fragile e perde ogni caratteristica di plasticità.
    Al di sopra di questa temperatura i movimenti delle catene molecolari si riattivano e portano la macromolecola a divenire flessibile e gommosa.
    \todo{La rigidità è direttamente proporzionale al grado di cristallinità: più è alto, più il materiale è duro e termicamente stabile, ma al contempo è anche più fragile.}
    Le regioni cristalline sono invece caratterizzate da una temperatura di fusione $T_m$.
    Al di sopra della $T_m$ il polimero passa da uno stato solido ordinato cristallino a uno stato fuso (liquido viscoso), per cui il materiale perde ogni proprietà meccanica.
    \todo{Per un polimero amorfo questo passaggio è graduale e non c'è una vera e propria temperatura di melting, per questo lo stato "fuso" perde significato.
    La rottura dei legami potrebbe consentire il movimento indipendente, il materiale si decomporrebbe prima di fondersi.
    E un altra lunghissima nota dove non so più che cosa scrivere ma insomma devo scrivere qualcosa e allora che so boh cito la fanelli
    che è pure bona madò che spettacolo è pure simpatica, che poi oggi tutte so così stinfie, come se ce l'avessero solo loro ma insomma qualcosa ho scritto e niente la nota è andata fino in fondo alla pagina mannaggia}
    \end{document}
5
  • Not that I can find in the manual. marginnotes can be shifted. Jul 8 at 22:29
  • how? i searched on the package documentation
    – Dude
    Jul 8 at 23:18
  • Use voffset in \marginnote[left]{right}[voffset] Jul 9 at 12:06
  • Going through the source code, it appears that \todo uses \marginpar in \@todonotes@drawMarginNoteWithLine so you could either replace \marginpar or edit \@todonotes@drawMarginNoteWithLine to use something else. However, packing items into the margin is not an easy task (see tex.stackexchange.com/questions/215322/…) Jul 9 at 12:33
  • I had complete forgotten about the marginfix package. See \mparshift (page 2). Jul 11 at 15:58
2

It is possible to use \raisebox inside \marginpar, but once the depth becomes negative, \marginpar gets confused.

\documentclass[twoside]{article}
\usepackage[utf8]{inputenc}
\usepackage[italian]{babel}
\usepackage{fancyhdr,float,graphicx}
\usepackage{hyperref}
\usepackage[color=white,linecolor=black,textsize=footnotesize,textwidth=5cm, tickmarkheight=3mm]{todonotes}
\usepackage[a4paper,left=35mm,right=70mm, marginparwidth=50mm,marginparsep=8mm]{geometry}
\hypersetup{colorlinks=true, linkcolor=black, anchorcolor=black, citecolor=black,bookmarksdepth=3, urlcolor=black}
\pagestyle{fancy}
\fancyhf{}
\rhead{\hyperlink{toc}{\textcolor{violet!50!blue}{Torna all'indice}}}
\fancyfoot[C]{\thepage}

\usepackage{etoolbox}
\newlength{\marginshift}
\setlength{\marginshift}{0pt}
\newsavebox{\leftmarginbox}
\newsavebox{\rightmarginbox}

\newcommand{\shiftedmarginpar}[2][]{%
  \savebox\leftmarginbox{\parbox{\marginparwidth}{#1}}%
  \savebox\rightmarginbox{\parbox{\marginparwidth}{#2}}%
  \ifvoid\leftmarginbox\else \ifdim\marginshift>\dp\leftmarginbox \marginshift=\dp\leftmarginbox\fi\fi
  \ifvoid\rightmarginbox\else \ifdim\marginshift>\dp\rightmarginbox \marginshift=\dp\rightmarginbox\fi\fi
  \marginpar[\ifvoid\leftmarginbox\else \raisebox{\marginshift}{\usebox\leftmarginbox}\fi]%
    {\ifvoid\rightmarginbox\else \raisebox{\marginshift}{\usebox\rightmarginbox}\fi}%
  \setlength{\marginshift}{0pt}}
  
\makeatletter
 \patchcmd{\@todonotes@drawMarginNoteWithLine}{\marginpar}{\shiftedmarginpar}{}{failed}
\makeatother

\title{Polymer science and engineering}
\author{Francesco Soldi}
\date{Academic year 2020/21}


\begin{document}
\maketitle
\addtocontents{toc}{\protect\hypertarget{toc}{}}
\tableofcontents{}
\section{Introduction}
\subsubsection{Proprietà termiche}
La \textit{Funzionalità} $f$ è il numero di legami che un qualsiasi monomero forma dopo il processo di polimerizzazione.
Quando $f=2$ il polimero risultante sarà lineare, mentre non appena come $f \geq 3$ il 
polimero sarà ramificato o addirittura costituito da una rete tridimensionale.
Questo perché le catene lineari interagiscono tra loro attraverso legami di tipo fisico, che sono solitamente deboli e sono la causa del basso punto di fusione in questo tipo di strutture. 
I polimeri a struttura reticolata, invece, interagiscono tramite legami \textit{covalenti} molto più forti e non sono in grado di fluire l'uno sull'altro.
\todo{Questo è il motivo per cui il vetro, o le rocce, "fondono" a temperature molto alte, mentre molti polimeri lineari fondono a temperature molto più basse.}
Altresì detto, la parte amorfa di un materiale polimerico è caratterizzata da una temperatura di transizione vetrosa.
Questa è una transizione isofasica. 
Al di sotto di questa temperatura i moti browniani tendono a congelarsi e la sostanza assume le caratteristiche meccaniche di un vetro, ossia è rigida, fragile e perde ogni caratteristica di plasticità.
Al di sopra di questa temperatura i movimenti delle catene molecolari si riattivano e portano la macromolecola a divenire flessibile e gommosa.
\setlength{\marginshift}{2cm}%
\todo{La rigidità è direttamente proporzionale al grado di cristallinità: più è alto, più il materiale è duro e termicamente stabile, ma al contempo è anche più fragile.}
Le regioni cristalline sono invece caratterizzate da una temperatura di fusione $T_m$.
Al di sopra della $T_m$ il polimero passa da uno stato solido ordinato cristallino a uno stato fuso (liquido viscoso), per cui il materiale perde ogni proprietà meccanica.
\todo{Per un polimero amorfo questo passaggio è graduale e non c'è una vera e propria temperatura di melting, per questo lo stato "fuso" perde significato.
La rottura dei legami potrebbe consentire il movimento indipendente, il materiale si decomporrebbe prima di fondersi.
E un altra lunghissima nota dove non so più che cosa scrivere ma insomma devo scrivere qualcosa e allora che so boh cito la fanelli
che è pure bona madò che spettacolo è pure simpatica, che poi oggi tutte so così stinfie, come se ce l'avessero solo loro ma insomma qualcosa ho scritto e niente la nota è andata fino in fondo alla pagina mannaggia}
\end{document}
2
  • Thx a lot! it work pretty well :)
    – Dude
    Jul 10 at 8:22
  • While an interesting exercise, the marginfix package does a better job. Jul 11 at 16:06

Your Answer

By clicking “Post Your Answer”, you agree to our terms of service, privacy policy and cookie policy

Not the answer you're looking for? Browse other questions tagged or ask your own question.